Door fan test | Richiedi informazioni

Descrizione e applicazione

Uno dei fattori decisivi per un rapido e definitivo spegnimento dell’incendio in un’area protetta da un impianto di spegnimento clean agent è quello della permanenza dell’agente estinguente nell’area stessa. Il tempo di permanenza della concentrazione dell’agente gassoso, garantisce l’estinzione definitiva dell’incendio permettendo il raffreddamento del combustibile ed evitando così il rischio di riaccensione.

I protocolli del test per combustibili di classe A (UL, ISO, CEN) prescrivono un tempo minimo di permanenza dell’agente estinguente nell’area protetta di almeno 10 minuti. In tale spazio di tempo la concentrazione deve essere mantenuta al di sopra del valore di estinzione almeno fino all’altezza dove sono collocati i combustibili a rischio.

Per determinare tale capacità di mantenimento della concentrazione dell’estinguente nel volume dell’area da proteggere, gli Standard prescrivono l’esecuzione, prima della realizzazione dell’impianto di spegnimento e cioè in fase di progettazione e periodicamente dopo la realizzazione dell’impianto, del test denominato Door Fan Integrity Test che determina il grado di chiusura del volume interessato dall’impianto di spegnimento.

Utilizzato da diversi anni, negli Stati Uniti, come ausilio alla progettazione dei sistemi di riscaldamento e condizionamento, alla fine degli anni ’80 è stato sviluppato e codificato anche nell’ambito dell’ingegneria antincendi, per la verifica dei locali protetti con sistemi di estinzione a saturazione di gas.

Door fan testIl protocollo di prova del Door Fan Test fu ufficialmente formalizzato nell’edizione 1989 dello Standard: NFPA 12A: “Halon 1301 Fire Extinguishing Systems”, Appendix B.

In seguito è stato definito anche l’omologo Standard ISO che è riportato nell’Annex E della norma pubblicata nel 2000: ISO 14520-1:2000: “Gaseous fire-exstinguishing systems-Physical properties and system design-Part 1: General Requirements”.

A conferma dei dati progettuali di un impianto di spegnimento a gas, si dovrà eseguire il Door Fan Integrity Test, prova obbligatoria secondo la norma UNI EN 15004:2008 Installazioni fisse antincendio – Sistemi a estinguenti gassosi – Parte 1: Progettazione, installazione e manutenzione.

– Installazioni fisse antincendio – Sistemi a estinguenti gassosi – Parte 1: Progettazione, installazione e manutenzione – simulante il decadimento del gas dopo una scarica, determina quindi le perdite del locale e valuta il tempo in cui la concentrazione del gas rimane ad un livello sufficiente.

La UNI EN 15004, recita infatti: “È essenziale determinare il periodo probabile durante il quale verrà mantenuta la concentrazione di spegnimento intorno al rischio, noto come tempo di permanenza, deve essere determinato mediante la prova con ventilatore sulla porta specificata nell’appendice E o una prova di scarico completo, basata sui seguenti criteri: 

  • All’inizio del tempo di permanenza la concentrazione in tutto il volume protetto è la concentrazione di progetto;
  • Alla fine del tempo di permanenza la concentrazione della sostanza estinguente all’altezza del rischio più alto nel volume protetto non è inferiore alla concentrazione di spegnimento;
  • Il tempo di permanenza non deve essere minore di 10 minuti, se non diversamente specificato dall’autorità competente.” 

Il Door Fan Test è una procedura di analisi e verifica delle caratteristiche di tenuta di un locale, cioè della sua attitudine ad impedire che in presenza di un gradiente di pressione fra interno ed esterno si crei un flusso d’aria attraverso le pareti che lo compartimentano.

Il Door Fan Test fornisce un metodo per valutare l’entità delle perdite di un locale e la sua capacità di trattenere all’interno il gas emesso da un sistema di estinzione a saturazione totale (Total Flooding Discharge). Consente inoltre di procedere alla ricerca sistematica ed all’individuazione delle aree di perdita presenti sulle superfici che delimitano il locale.

Viene messo in atto pressurizzando e depressurizzando il locale e misurando le portate di aria necessarie allo scopo mediante un’apparecchiatura che consta di:

  • Un pannello da adattare sull’apertura di un vano porta del locale da esaminare;
  • 1 o 2 ventilatori con velocità regolabile, da installare sul suddetto pannello, per immettere ed estrarre aria dal locale;
  • Una consolle di controllo con gli strumenti per la misura delle pressioni interna ed esterna del locale, del flusso d’aria generato per ottenerle, delle temperature interne ed esterne;
  • Un’unità di calcolo (PC) per l’elaborazione dei valori misurati e l’estrapolazione delle caratteristiche di tenuta del locale.


Il Door Fan Test si sviluppa concettualmente in 3 stadi:

  • MISURA: si misura l’entità del flusso di aria immesso/estratto nel/dal locale per generare al suo interno un determinato valore di sovrapressione/depressione.
  • CALCOLO: dai valori misurati si può calcolare l’area di perdita equivalente (ELA: Equivalent Leakage Area), cioè l’area totale di tutte le perdite, crepe, giunture e superfici porose che consentono perdite dalle superfici di compartimentazione del locale in oggetto.
  • PREDIZIONE: noto il valore della ELA (Equivalent Leakage Area), è possibile eseguire una stima del tempo di ritenzione del gas all’interno del locale.

Ovviamente la prova di tenuta locale (Door Fan Test) verrà eseguito da nostro personale altamente specializzato con apparecchiatura certificata e la data per l’espletamento del servizio deve essere concordata preventivamente con la Segreteria Tecnica che provvederà inoltre ad effettuare un sopralluogo conoscitivo congiunto con il committente per definire le caratteristiche del luogo dove effettuare il Door Fan Integrity Test.

Compila il form sottostante per inviarci una richiesta:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio